Mélanie REMAUD

Contatti: 

Incarico didattico: 

Cori

Biografia: 

Mélanie Remaud é una cantante lirica Franco-Italiana. E’ diplomata in Canto al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica e Danza di Lione, con specializzazione di musica antica e in musicologia all’Università della Sorbona di Parigi.

Studia e interpreta il repertorio vocale dal primo canto gregoriano fino al repertorio lirico moderno.

La sua passione per la musica è viva e aperta e non esclude la musica etnica, il jazz e il pop.

E’ regolarmente impegnata nel repertorio da camera e sacro di CHARPENTIER, COUPERIN, LULLY, HAENDEL, MOZART, HAYDN, SCHUBERT, FAURE, DEBUSSY, RAVEL, CHAUSSON, VILLA LOBOS...
Sul palcoscenico, Mélanie Remaud ha preso parte alle seguenti opere: Le ballet comique de la Reyne di B.de Beaujoyeux, Orfeo di Monteverdi, Il Sansone di Aliotti, Gli Strali d’amore di Caccini,Il Ritorno di Ruggero di Cavalli, Bastien e Bastienne, Il flauto magico, Le nozze di Figaro, Così fan tutte di Mozart, l’ Enfant et les sortilèges di Ravel.
Collabora con compositori contemporanei come Daniel Sprintz (Francia), Daniel D’adamo (Argentina) S. Schoulevitch (Russia) e con l’attore Franco-Belgo Alain Carré per la creazione di spettacoli originali di musica e teatro.
In Italia canta con la Verdi Barocca (dir. Ruben Jais), Il canto di Orfeo (dir. Gianluca Capuano), Il giardino delle Muse (dir. Simone Erre) e L’ensemble Il Demetrio (dir. Maurizio Schiavo, con quale ha inciso nel 2016 un disco deidicato a Tarquino Merula) .
Ha partecipato alla creazione dell’ensemble vocale e strumentale dedicato al repertorio della musica barocca «Amorose note» e ha fondato un trio strumentale e vocale al femminile “Le sfere celesti”.

Insegnante di tecnica vocale e ateliers corali presso la Civica Scuola di Musica A. Pozzi di Corsico , Mélanie Remaud collabora regolarmente con diversi cori amatoriali per affiancare i direttori di coro come insegnante di vocalità e/o consapevolezza musicale. La sua versatilità musicale le consente di collaborare con organici molto diversificati, come il coro liturgico di Abbiategrasso, il coro sud americano di Milano, il coro dei cantori Ambrosiano di Milano oppure il coro dei Mamma’s&papa’s della Scuola Vivaio. Dirige, inoltre, il proprio coro amatoriale che ha creato nel 2012 a Milano: Il Coro della Svolta.

La sua passione per l’insegnamento propedeutico musicale è nata con l’incontro della Ritmica di Emile Jaques Dalcroze, basata su un metodo attivo dove tutto il corpo è coinvolto e dove l’aspetto ludico e gioioso, associato a un lavoro di grande spessore sulla combinazione motoria e mentale, aiuta a superare ogni difficoltà. Su questo Mélanie Remaud segue corsi di formazione in Italia e in Svizzera e ha ottenuto, nel 2019, il diploma CAS di pedagogia della Ritmica Dalcroze.

Insegna alla Civica Scuola di Musica A. Pozzi:
CANTO (MUSICA CLASSICA)
CORO DI VOCI BIANCHE (PERCORSI DA 0 A 11 ANNI – PROPEDEUTICA MUSICALE)
CORO DI VOCI NUOVE; CORO MULTIETNICO (CORI)

Giada DE GIOIA

Contatti: 

Incarico didattico: 

Cori

Biografia: 

Cantante e compositrice milanese.
Ha studiato canto, dizione, teoria e solfeggio con Eloisa Francia, Josè Mascolo, Lella Esposito e ha frequentato un seminario di canto jazz con Tiziana Ghiglioni.
Si è esibita in diverse formazioni “live” in ambito pop soul, gospel e jazz collaborando con vari musicisti, Alberto Guareschi, Marco Detto, Roberto Favilla jr., Pino Bifano col quale firma un brano per la colonna sonora del film Kamikazen Ultima notte a Milano, del regista Gabriele Salvatores.
Ha inciso il Cd Gospellin’ Jazz con il pianista Paolo Alderighi e il contrabbassista Riccardo Vigoré, Ediz. Rugginenti 2004.
Il suo“LIVE”col trio Gospellin’Jazz viene trasmesso da Rai RadioUno. Finalista come compositrice e interprete al concorso internazionale USA Songwriting Competition 2001.
Finalista come coautrice e interprete al concorso internazionale In the Name Of Salt nel 2006.
Ospite del chitarrista fingerstyle Stefano Barbati al Dadi Guitar Festival 2006.
Nel 2007 e 2009 ha partecipato al festival radiofonico delle voci jazz italiane Dubidù di PuntoRadio di Pisa.
Nel 2007 ha cantato con l’Om Ensemble di Max Ormea al Festival Acoustic Guitar Meeting di Sarzana.
È presente nel volume “Le Lombarde In Musica” pubblicato dalla Fondazione Adkins-Chiti Donne in Musica e Fondazione Cariplo.
Nel 2009 è stata invitata a Roma da RadioUno RAI, per la trasmissione Demo Special in veste di cantautrice. Live Show voce e chitarra acustica a Demo Best Summer 2010 di RadioUno RAI.
Ha composto e cantato jingles per RadioUno RAI.
Finalista al Premio Janis Joplin 2010.
Selezionata dal MEI per la sua partecipazione al Contest “Una canzone per le lavoratrici Omsa" con il brano Donne Come Fiori.
Nel 2011 Donne Come Fiori diventa un singolo autoprodotto disponibile sulle principali piattaforme digitali.
Nel 2011 la canzone Principessa Nel Regno Del Ghiaccio viene incisa e fa parte del Cd Bimbofestival e viene premiata da Elisabetta Viviani come miglior testo della rassegna.
Nel 2012 scrive la canzone per bambini A Casa Dei Nonni che viene selezionata e incisa nel Cd Un’Altra Stella.
Ha collaborato col pianista e giornalista Giulio Cancelliere in live shows e reading letterari.
Ammessa alle selezioni live nazionali per PISTOIA BLUES 2014
Ha fondato e diretto il coro gospel AfroBlue.
Firma una delle dodici canzoni finaliste al concorso nazionale Bimbofestival 2017.
Docente di canto moderno presso la Civica Scuola di Musica Antonia Pozzi di Corsico (MI) dal 1997.

Lee COLBERT

Contatti: 

Incarico didattico: 

Cori

Biografia: 

Lee Colbert è nata a New York e cresciuta a Buenos Aires, dove ha studiato piano e voce con Violeta Hemsy de Gainza e con Susana Naidich, e composizione presso la Universidad Católica Argentina. Si è laureata alla Berklee College of Music di Boston nel 1982 (Bachelor of Music, Magna Cum Laude). Successivamente, si è specializzata in canto col grande maestro Walter Blazer (Manhattan School of Music, N.Y.) e con Antonia Brown (Firenze) e Massimo Sardi (Fiesole). Si è diplomata in Canto sotto la guida di Lucia Vinardi (Roma) nel 1988.

E' stata docente alla Scuola Popolare di Musica di Testaccio (Roma) dal 1983 al 2000, dove tuttora tiene seminari e conferenze. Le materie insegnate alla SPMT includono Canto e Tecnica Vocale, Ear Training e il suo seminario di Storia degli Stili del Jazz Vocale (un corso particolare che combinava ascolto e conoscenza della cronologia del repertorio vocale con un approccio "hands-on" in cui i partecipanti mettevano in prati-ca tutti gli stili studiati). In anni più recenti, dopo il trasferimento a Milano, ha partecipato alle attività di-dattiche della Civica Scuola di Musica di Corsico (Milano): nell'autunno del 2008 vi ha tenuto un seminario di tre mesi su IL MUSICAL AMERICANO e detiene la cattedra di Canto Moderno dal 2014. Ha collaborato per la didattica vocale con l'associazione Messinscena di Corsico e col corso Minima Teatralia dell'associazione culturale La Scighera di Milano.

Privatamente, insegna Canto e fa Vocal Coaching da trent'anni.

Il suo repertorio personale di cantante include svariatissimi stili vocali (ad eccezione, forse del Heavy Me-tal!): jazz, musical e tutto ciò che riguarda il teatro musicale, folk, rock, opera lirica, cameristica, contempo-ranea, popolare. A partire dal 1992 si è specializzata nel canzoniere Yiddish, nel Tango Argentino e nella musica di Astor Piazzolla e di altri compositori di “contaminazione” fra classico e popolare come Kurt Weill, Nino Rota, ecc.. Fedeli compagni lungo questa strada sono i pianisti Paolo Cintio (Roma) e Lorena Portalupi (Milano).

Nel 1996 è stata ingaggiata da Moni Ovadia come cantante/attrice nella sua StageOrchestra (unico membro femminile stabile della compagnia) e ha lavorato con lui nei seguenti spettacoli, in tournée in tutta Italia e all'estero: Ballata di Fine Millennio, Il Caso Kafka, Mame,Mamele,Mamma…Il Crepuscolo delle Madri (prodotto dal Piccolo Teatro di Milano/CRT-Artificio), Tevye un Mir (prod. Idearte, Palermo, 2000/01) and Il Banchiere Errante; Finanzieri e Mendicanti (prod. CRT-Artificio, Milano, 2001/02).

Nel 1999 pubblica il suo primo CD solista, “Reyzele”, un album di canzoni Yiddish prodotto da Moni Ovadia (Sensible Records, Milan), col pianista Paolo Cintio e ospiti dalla StageOrchestra dello stesso Ovadia.

Dal 2000 collabora con la pianista Lorena Portalupi, direttrice della Civica Scuola di Musica di Cor-sico nonché apprezzata solista specializzata nel repertorio francese del ’900, creando insieme a lei “Parisiennes”, un concerto di canzoni che vanno da Brel, la Piaf e Trenet fino a Poulenc e che si avvale degli arrangiamenti originali di Sandro Cerino (2004-2008).

Nel novembre del 2001 debutta lo spettacolo “J’Attends un Navire – Lee Colbert interpreta Lieder, Songs & Chansons di Kurt Weill” creato e messo in scena da Moni Ovadia, un recital che segue il percorso del compositore dalla sua Germania natia all’esilio in Francia e gli Stati Uniti con musica e canzoni dei tre periodi, testi, proiezioni d’immagini, ecc..

Vede il suo debutto in novembre del 2002 la prima produzione italiana del musical americano“Il Violinista sul Tetto” con regia di Moni Ovadia e con la partecipazione della compagnia StageOr-chestra, in cui Lee è co-protagonista come Golde nonché coordinatrice vocale e dei cori. Una fitta tournée ha portato lo spettacolo in tutta Italia nelle stagioni 2002/2003 e 2003/2004 e nuovamente nel 2018/2019.

Il Mittelfest (Festival di cultura mitteleuropea) di Cividale del Friuli la ospita nell'estate del 2004, dove Lee raccoglie consensi di pubblico e di critica sia col suo Yiddish Song Recital che come cantante della StageOr-chestra di Moni Ovadia.

Al Mittelfest 2005 debutta lo spettacolo di Moni Ovadia, “Es iz Amerike: Cosa ci vuoi fare? È l’America!”, che vede nuovamente Lee come co-protagonista a suo fianco. Ha compiuto una fitta tournée in tutta Italia nella stagione 2005/2006.

Nel marzo del 2006 è uscito il suo secondo CD solista, “Zumertsayt”, prodotto dalla nuova etichetta disco-grafica di Roma “Zone di Musica”, con brani che vanno dal repertorio dei grandi autori Yiddish ai classici della canzone americana di autori ebrei quali Sondheim, Gershwin, Berlin, Bernstein, ecc..

Debutta sempre a fianco di Moni Ovadia al Mittelfest 2006 nel nuovo lavoro del regista, “Le Storie del Si-gnor Keuner”, realizzando poi una fitta tournée in tutta Italia nella stagione 2006-2007 e l'inver-no/primavera del 2008.

L'edizione 2006 del Mittelfest ospita anche il concerto “Kabarett&Cabaret” con la pianista Lorena Portalupi, che propone un interessante e variegato repertorio di Cabaret Songs di compositori colti che vanno da Weill e Schönberg a Britten e Satie e che ha raccolto grande consenso di pubblico e critica.

Da settembre a dicembre 2007 si realizza la tournée del lavoro di Moni Ovadia "La Bella Utopia", con, come sempre, Lee come co-protagonista accanto all'autore. Questa cavalcata attraverso la storia dell'Unione Sovietica prosegue il suo giro dei teatri d'Italia anche nell'inverno/primavera 2008-2009.

Da settembre 2008 Lee collabora con una formazione nuova, l'ADAR TRIO, creatura del pianista e direttore Andrea Gottfried. I preziosi clarinetti di Anton Dressler e la speciale collaborazione del grande mandolinista israeliano Avi Avital completano il gruppo, la cui proposta musicale include brani vocali e strumentali di tutta la tradizione ebraica con attenzione particolare ai compositori israeliani del '900 e contemporanei (Ben Haim, Wiesenberg, ecc.). Dall'estate del 2009 collabora intensamente con il compositore e pianista Corrado Fantoni, dando voce ad una nuova fase del suo progetto TZEMACH NIGGUN PROJECT. Collabora inoltre col duo clarinetto-organetto di Paolo Rocca e Fiore Benigni in qualità di cantante ospite.

L'ultima creazione di Ovadia, insieme al regista Roberto Andò, debutta nell'estate del 2009 al Teatro Romano di Verona nell'ambito del festival shakespeariano: è "Shylock - Il Mercante di Venezia in prova". Lee partecipa come arrangiatrice e come cantante/attrice nel ruolo di una piccante infermiera responsabile del moribondo Shylock di Shel Shapiro, riscuotendo grandi consensi di critica e di pubblico. La tournée dello spettacolo è iniziata a fine febbraio del 2010. La seconda stagione di tournée è iniziata nell'ottobre 2010 e si è conclusa nel marzo del 2011.

Da allora, Lee si dedica a fare concerti in tutta Italia e all'insegnamento presso la Civica Scuola di musica di Corsico (Milano), dove detta una delle cattedre di Canto Moderno, e privatamente, preparando innumerevoli cantanti, attori e ballerini a sostenere provini e audizioni.

L'ultima incarnazione del Lee Colbert Trio si avvale della collaborazione di Paolo Cintio al pianoforte e di Gabriele Coen al sax soprano, clarinetto e flauto. Col loro debutto si è aperta la rassegna Jewish Jazz del Museo Ebraico di Bologna nel settembre del 2016.

Insegna alla Civica Scuola di Musica A. Pozzi:
CANTO (MUSICA JAZZ POP ROCK)
CORO JAZZ&POP (CORI)
TEATRO STRUMENTALE (MONI OVADIA)(LABORATORI)

Antonella GIANESE

Contatti: 

Incarico didattico: 

Cori

Biografia: 

Ha iniziato lo studio del canto nella sua città natale, Venezia, presso il Conservatorio di musica Benedetto Marcello. Ha proseguito i suoi studi a Milano dove, in seguito, si è dedicata pienamente allo studio della letteratura vocale antica, frequentando i corsi della Civica Scuola di Musica, perfezionandosi in canto barocco con Cristina Miatello e conseguendo il diploma nell'ambito del “Laboratorio permanente sulla musica italiana del XII e XIII secolo” diretto e tenuto da Roberto Gini.

Classificata tra i vincitori del concorso legato al “Corso di perfezionamento sulla vocalità Monteverdiana”, indetto dall' As.Li.Co. (Associazione Lirico Concertistica di Milano), Antonella Gianese compie un ulteriore percorso di intenso approfondimento e perfezionamento a Cremona, presso il teatro comunale Amilcare Ponchielli, durante il triennio 1992-1994.
Debutta nel 1993 in occasione dell'apertura delle Celebrazioni Monteverdiane di Cremona, partecipando all'esecuzione e alla prima incisione integrale della “Selva Morale e Spirituale” di Claudio Monteverdi e partecipando allo spettacolo “ Trionfi d'amore in genere Rappresentativo”, ultima produzione registica e coreografica realizzata da Andrea Francalanci.
Negli anni 1997 e 1999 è vincitrice di due borse di studio della Fondazione Giorgio Cini di Venezia, per la partecipazione a un progetto su Luzzasco Luzzaschi (1997) e a uno su Domenico Scarlatti (1999). Con l'ensemble Concerto diretto da Roberto Gini, con cui collabora stabilmente da più di 20 anni, Antonella Gianese ha al suo attivo una interessante serie di fortunate e premiate produzioni, tra le quali spiccano: la prima registrazione assoluta degli “Affetti Musici” di Giulio Cesare Monteverdi (Astrée Auvidis), la registrazione de “La Maddalena ai piedi di Cristo” di Giovanni Bononcini (disco vincitore del premio della Fondazione G.Cini di Venezia, 1999), la prima incisione assoluta di due brani inediti di Claudio Monteverdi nell'importante produzione “Sacred Music” (Dynamic 491/1-2, incisione integrale di tutta la musica sacra pubblicatada Monteverdi al di fuori delle raccolte 1610, 1640 e 1651), la nuova registrazione del “Vespro della Beata Vergine” di Claudio Monteverdi, pubblicata in occasione del quarto centenario dell'edizione (1610-2010).

Cantante duttile e poliedrica, Antonella Gianese, vanta un repertorio che spazia dalla musica del XVI secolo, fino al contemporaneo: “Mass” di Leonard Bernstein, la prima assoluta di “Ulisse innamorato” (opera di Roberto Cacciapaglia a cui ha partecipato anche la pop-star Gianna Nannini), una serie di produzioni di musica del '900 con la “Camerata Polifonica di Milano”, creata e diretta da Ruben Jais, con cui ha cantato musiche di Niccolò Castiglioni , Leos Janàcek, nonché prime esecuzioni del compositore prematuramente scomparso, Claudio Romitelli (RSI Radio della Svizzera Italiana, Lugano). Ha realizzato lo spettacolo “Arianna” insieme all'attrice Valentina Cortese con la regia di Deda Cristina Colonna. Ha inciso per Tactus, Nuova Era, Amadeus, Stradivarius, Astrée Auvidis, Universal, Dynamic.

Insegnate di canto, da sempre affianca al concertismo, un'intensa attività didattica.

Da giovanissima si specializza sulla didattica Kodaliana con il pioniere italiano esperto di questo metodo, Davide Liani, ad Assisi, al Centro di Educazione Permanente, sezione musica. In seguito tiene corsi di perfezionamento in propedeutica corale insieme a Bruno Raffaele Foti.

Presso molte associazioni corali, tiene tutt'ora corsi di vocalità. Tiene Seminari di perfezionamento sulla Musica Italiana del XVII e XVIII secolo, a Bari (2005), all'Università di Cremona (2007/2008). Dal 2010 collabora con l'Israeli Conservatory of Music di Tel Aviv in qualità di insegnante di canto e di interpretazione all'International Intensive Seminar of XVII Century Music, collaborando con grandi musicisti internazionali.

E' titolare della classe di canto della Civica Scuola di Musica di Corsico A. Pozzi dal 1998. In questa sede, dirige il coro femminile “In Canto” con il quale ha realizzato svariate produzioni e registrazioni discografiche prodotte dalla scuola. Negli ultimi anni il coro “In Canto” ha iniziato un'attività concertistica che lo porta a esibirsi in importanti manifestazioni, anche all'estero.

Il 31 ottobre 2015 il coro femminile “In Canto”, ha partecipato alla cerimonia di chiusura dell’EXPO, esibendosi in mondovisione e alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Insegna alla Civica Scuola di Musica A. Pozzi:
CANTO (M. CLASSICA)
Coro In…Canto (CORI)